31 ottobre 2012

Speciale Halloween: Il Giveaway!


Carissimi, ve lo avevo promesso ed eccomi qui a illustrarvi i regali che voglio farvi per questo Halloween!!

Sono ben DUE libri di recente uscita che sono sicura faranno gola a molti di voi!

Siete curiosi????
Eccovi svelati i due titoli:
Darkest Mercy. Discordie Armonie di Melissa Marr

darkest-mercy-marr-fazi-lainLa serie Wicked Lovely ha venduto 100.000 copie in Italia ed è tradotta in 30 paesi, con il primo titolo della serie la Marr ha vinto, nel 2008, il RITA Awards per il miglior romance per adolescenti.
L'ultimo attesissimo capitolo della serie di Melissa Marr, un finale traboccante di amore, odio e vendetta, una conclusione epica e indimenticabile, dove troveremo, finalmente riuniti, tutti i protagonisti più amati.

Trama
Le corti sono nel caos, Keenan, il re dell’Estate, è sparito e le fate della corte della Notte stanno lentamente perdendo la loro forza. Così inizia il capitolo conclusivo dell’acclamata serie di Wicked Lovely dove incontriamo, finalmente riuniti, tutti i personaggi che si sono avvicendati nei quattro romanzi precedenti, uniti in una comune battaglia finale condotta contro Bananach, una creatura malvagia il cui solo esistere sta mettendo a rischio la vita dell’intero popolo fatato.


Devilish di Dorotea De Spirito

Trama
Vittoria e Guglielmo, un angelo senza ali e un demone. L’amore che non conosce confini li ha uniti una volta, ma una minaccia ora incombe sul loro destino. Un’antica leggenda preannuncia il risveglio delle anime nel giorno in cui si romperanno i confini tra il mondo degli angeli e l’Averno. Per salvare il proprio amore Vittoria si ritrova di fronte al bivio tra la vita di Guglielmo e la salvezza della propria anima.









***
Perfetto! ora che ho svelato le sorprese non vi resta che compilare il form qui sotto e sperare che gli spiritelli di Halloween vi portino fortuna!!
Avete tempo fino al 15 Novembre.
Il Banner del GA: 
Ringrazio di cuore Arwen del blog My Secret Diary per avermi aiutato a crearlo!




a Rafflecopter giveaway

30 ottobre 2012

Speciale Halloween #7


In attesa dei regalini di domani, oggi vi lascio il video di una delle mie canzoni preferite! This is Halloween di Marilyn Manson, tratta dal capolavoro di Tim Burton The nightmare before Christmas.


Il consiglio di oggi è La cosa Oscura di Peter Straub

Trama: Nel 1966 quattro compagni di scuola, Hootie, Dilly, Jason e Lee vengono completamente soggiogati dal fascino ambiguo di Spencer Mallon, presunto stregone di passaggio in città. Al punto che partecipano a un misterioso e inquietante rito notturno, nel quale sarà invocato il male. Uno di loro non farà più ritorno. Che cosa accadde quella notte? A quarant'anni di distanza, Lee cerca la risposta in ciò che rimane dei suoi vecchi amici.
Domani partirà il giveaway di Halloween! chi è curioso di sapere cosa c'è in palio?!

29 ottobre 2012

Speciale Halloween #6

Halloween è sempre più vicino e chi deve andare a feste in maschera o fare dolcetto o scherzetto starà decidendo come travestirsi o come truccarsi, ecco svelato l'argomento di oggi!
Iniziamo con i costumi! 
Per le ragazze ho scovato queste idee:

Catwoman 
Abbastanza semplice da realizzare anche all'ultimo minuto: legging di pelle lucida neri, stivali col tacco, maglione nero, giubbotto di pelle, guanti maschera e orecchie da gatto (che trovate in quasi tutti i supermercati) 
Per il make up smokey eyes e labbra rosse



Strega
Vestito nero, calze a righe, l'immancabile cappello a punta, una scopa o una bacchetta magica.
Halloween 2012: 10 Costumi Fai da Te!

Per il make up ecco alcune idee:

Katniss tributo e protagonista di Hunger Games
Indispensabili per questo costume arco e frecce! per il resto è anche abbastanza semplice: jeans neri, maglietta grigia, giacca a vento, stivali sportivi o da trekking e e proprio volete essere completi non dimenticate la spilla con la ghiandaia imitatrice.
Raccoglietevi i capelli in una lunga treccia e per il make up rimanete più leggere che potete.

Ed ecco una proposta per l'uomo:
Gangstar zombie
Prendete un vecchio completo elegante (uno che non usate più) e riducetelo a brandelli impregnandolo di sangue finto. Procuratevi un'arma finta e un cappello.
Per il make up: cerone bianco su tutto il viso e fatevi dei tagli finti con il sangue finto, sarebbe perfetto avere anche delle lenti a contatto bianche.

Ora che siete tutti truccati e in costume passo al consiglio letterario di oggi La setta dei lupi sanguinari di Alec Covin.

Trama

Ci sono storie che a sentirle raccontare sembrano leggende. Storie come quelle che parlano di una setta di lupi sanguinari, tornati alla luce dopo un sonno durato decenni. Nella memoria di Stanley Holder, scrittore di romanzi dell'orrore di successo, questo branco di assassini è soltanto il frutto degli incubi di sua nonna, una vecchia persa nei fumi dell'alcol e schiacciata dal peso di oscure profezie. Quando lo scrittore assiste inerme alla decapitazione di sua figlia è costretto a capire che le atrocità, questa volta, sono tutte vere. Nella piccola città di Tusitala, nel sud degli Stati Uniti, sono crollati i confini che separano il mondo dei vivi dal mondo dei morti: le acque della piscina comunale diventano rosse di sangue dopo che un'intera scolaresca vi viene barbaramente assassinata; le tombe del cimitero sono profanate; orde di topi divorano gli esseri umani per infliggere la più terribile delle punizioni a chi non ha il coraggio di fare i conti con il passato. Succede così che Stanley Holder è costretto a scendere a patti con una gang di pericolosi criminali: sono loro che, grazie a una rapina, detengono le chiavi che conducono alla risoluzione del mistero. A monte della maledizione che si è abbattuta su Tusitala, si scopre il volto truce di un generale sudista, Fenryder, disposto a tutto per consentire alle belve della sua setta di continuare a uccidere in silenzio.
A domani!

Cover Wars #2

Volenti o nolenti oggi è lunedì e la settimana (anche se corta, il ponte dei Morti si avvicina) è cominciata ed è anche tempo della nostra battaglia tra cover: ogni settimana sceglierò un tema e pubblicherò 4 cover inerenti al tema proposto e poi entrate in gioco voi, votando quella che preferite, la settimana successiva  scoprirete la vincitrice.
Siete pronti per iniziare? 
Prima però bisogna incoronare la regina della settimana scorsa (ricordo che il tema era "divise scolastiche").
And the winner is...


Il tema di questa settimana è Occhiali da sole

Don't You Wish

1) Don't you wish di Roxanne St.Claire


2) The Disenchantements di Nina LaCour


Uncommon Criminals (Heist Society, #2)
3) Uncommon Criminals di Ally Carter


4) Life After Theft di Aprilynne Pike

***
Sono tutte bellissime, lo so, ma dovete sceglierne una e farla regina! La mia preferita è The Disenchantements di Nina LaCour e la vostra?

28 ottobre 2012

Recensione BALTHAZAR di Claudia Gray


Finalmente anche noi qui in Italia siamo riusciti ad avere lo spin-off della serie Evernight dedicato a Balthazar, il vampiro da sempre innamorato della protagonista Bianca che, nonostante tutto, ha occhi solo per Lucas.

Ammettiamolo: tutti per un po' abbiamo fatto il tifo per Balthazar, io in primis avevo una cotta enorme per quel bel vampiro muscoloso e forte ma allo stesso tempo dolce e tormentato dal suo passato (e dalla sorella).

In questo romanzo (probabilmente il primo di una serie) Balthazar ha finalmente l'occasione di avere anche lui un lieto fine e di trovare una ragazza che ricambi i suoi sentimenti. 
Naturalmente prima di leggere questo romanzo dovete leggere la serie di Evernight -che consiglio!-

Dopo lo scontro tra vampiri e membri della Croce Nera a Evernight e dopo aver prestato, anche se per poco, il suo corpo al fantasma di Bianca, Skye non è più la stessa. Ha acquisito un nuovo potere, una capacità  o forse più una maledizione: quando si trova in luoghi dove una o più persone sono morte di una morte violenta è costretta a rivivere quel momento, provocandole anche dolore fisico. Proprio per questo motivo il suo amico Lucas, preoccupato, manda Balthazar a controllare che la ragazza se la cavi bene.

Mai si sarebbe aspettato che l'arrivo di Balthazar avrebbe salvato Skye da un attacco del vampiro Lorenzo; vampiro che Balthazar conosce molto bene. Si tratta, infatti, di un vampiro della congrega che lo ha ucciso e trasformato. Lo sgomento di trovarsi davanti quella vecchia conoscenza  fa perdere al vampiro buono la possibilità di uccidere l'aggressore che riesce a scappare.
Skye è salva ed è questo l'importante. Balthazar rimane subito colpito dalla ragazza, dal canto suo Skye ha sempre ammirato il vampiro, naturalmente ignorando la sua vera natura, da lontano a Evernight ma essendo innamoratissima del suo ragazzo non lo aveva mai considerato più di una bel ragazzo che girava per i corridoi dell'Accademia. 
Ora però tutto era cambiato: il suo ragazzo l'aveva mollata dopo la morte del fratello per stare con un'altra, e una banda di vampiri malvagi le dava la caccia, la costante presenza di Balthazar aveva risvegliato in lei i vecchi sentimenti che si stavano evolvendo in qualcosa di più della semplice ammirazione.

Dopo l'attacco di Lorenzo e l'incontro con Redgrave il potente e malvagio creatore di Balthazar che per qualche strana ragione vuole Skye tutta per se, il vampiro decide di stabilirsi nella cittadina della ragazza che deve anzi che vuole proteggere; e per farlo meglio si fa assumere come professore di storia nel liceo che lei frequenta.
Tra i due il feeling aumenta sempre di più e tra scambi di SMS, pericoli sventati e passeggiate a cavallo i due si accorgono di essere innamorati, ma le storia tra umani e vampiri -come si ripete sempre Balthazar- non possono funzionare... 

Come già detto in precedenza finalmente troviamo Balthazar protagonista della sua storia e grazie a questo spin-off le ombre sul passato del vampiro scompaiono definitivamente e tutto appare ai nostro occhi in mondo chiaro. 
Ritroveremo personaggi amati -Bianca versione spettro, Lucas e Clementine- e personaggi incorreggibili che ci sorprenderanno -Charity-.

La scrittura della Gray è sempre molto piacevole da leggere, le parole scorrono sotto i nostri occhi con una velocità incredibile e ci rendono la lettura molto coinvolgente.
I due personaggi principali (Balthazar e Skye) sono favolosi. Hanno molte cose in comune ma soprattutto hanno la forza di lottare contro il male che li vuole divisi e schiavi e combattono per l'amore che sta nascendo tra di loro e che sempre più forte li unisce e li rende invincibili.

Il colpo di scena finale non manca e sapere che la Gray non ha ancora scritto un seguito mi mette ansia e impazienza di ritrovare conforto fra le parole di Balthazar (ve l'ho detto che sono cotta!).
Voto: 

Petizione Portiamo I libri di Julie Kagawa in Italia

Cari lettori,
questa domenica oltre allo speciale di Halloween e una probabile recensione di Balthazar di Claudia Gray vi voglio parlare di una splendida iniziativa intrapresa da Glinda del blog Atelier dei libri . Come indicato dal titolo, ha creato una petizione per cercare di sensibilizzare le case editrici italiane a pubblicare i romanzi di Julie Kagawa. 
Tutto ciò che ci chiede è di firmare, spargere la voce condividendo banner e petizione a più non posso!

(da qui in poi il materiale che trovate è tratto dal sito Atelier dei libri)

La Iron Fey Series 

Winter's Passage (Iron Fey, #1.5)
Sacrificio, amori tormentati e lotte tra creature mitologiche che ricordano Sogno di una notte di mezz'estatetutto questo e molto altro ancora è la Iron Fey Series, in cui la sedicenne Meghan Chase si troverà costretta a fare i conti con un destino che non ha mai creduto possibile.
Il mondo di Nevernever, quello dei Fey, è sempre stato celato agli occhi di Meghan, o almeno è quello che lei ha sempre voluto credere. Ma quando il suo adorato fratello Ethan, che poi sarà il protagonista della serie spin-off, viene rapito e sostituito con una fata, il suo universo va in frantumi e l'unica cosa che le resta da fare è aprire gli occhi e accettare l'impossibile. I Fey esistono ed è nel loro mondo che Meghan deve tuffarsi per trarre in salvo suo fratello.Quando Meghan si addentrerà in Nevernever e nei suoi miti scoprirà che le belle favole non dicono il vero: le fate sono esseri temibili e oscuri, sempre pronti a trarti in inganno.   

Summer's Crossing (Iron Fey, #3.5)
Originalità, azione e un convincente worl bulding hanno fatto di questa serie un campione d'incassi in tutto il mondo, scatenando un vero e proprio movimento di fanatismo globale. 
Miti e leggende molto noti rivisitati dall'autrice, creature fantastiche adorabili (tra cui un simpatico gatto parlante), amori passionali e oscure avventure fiabesche, sono alcuni degli ingredienti di questa avvincente serie composta da quattro libri e diverse novelle e da cui è stata tratta una serie spin-off.



Trama di The Iron King, primo romanzo della serie, tradotta da Glinda

Meghan Chase ha un destino segreto; un destino che non avrebbe mai potuto immaginare.

Megan si è sempre sentita fuori posto sin da quando suo padre è scoparso davanti ai suoi occhi quando lei aveva solo sei anni. Non è mai riuscita a integrarsi nella sua scuola né tantomento a casa.
 
Quando un oscuro sconosciuto comincia a spiarla da lontano e il suo migliore amico Robbie si trasforma da simpatico burlone a protettivo guardiano, Megan capisce che tutto ciò che ha sempre conosciuto è destinato a cambiare.
Ma non avrebbe mai potuto immaginare la verità - ovvero di essere la figlia di un rinomato Re delle Fate oltre che la pedina in una guerra mortale.
Meghan scoprirà fino a che punto ci si può spingere per salvare qualcuno che si ama, cercando di opporsi a un male oscuro che nessuna creatura fatata può affrontare e trovando l'amore in un giovane principe che preferirebbe morire piuttosto che lasciarle toccare il suo cuore di ghiaccio.

Serie completa:


 
Trama tradotta da Glinda di the Lost Prince, primo capitolo della serie spin-off


The Lost Prince (The Iron Fey: Call of the Forgotten, #1)
Non guardarli. Non fargli mai capire che puoi vederli.

Questa è l'imprescindibile regola di Ethan Chase. Fino a quando i fey che evita a tutti i costi —giocandosi anche la propria reputazione— iniziano a scomparire e Ethan viene attaccato. Ora deve cambiare le regole per proteggere la propria famiglia. Per salvare la ragazza per di cui pensava che non avrebbe mai osato innamorarsi.

Ethan pensava di aver protetto se stesso dal mondo in cui viveva sua sorella maggiore— la terra di Faery. La sua scorsa visita nell'Iron Realm lo ha lasciato senza altro al di fuori di paura e disgusto per il mondo che è diventato la casa di Meghan Chase, una terra di miti e gatti parlanti, di magia e seducenti nemici. Ma quando il destino lo reclama, Ethan non ha nessuna via di fuga da un pericolo che era stato da tempo dimenticato.


La serie Blood of Eden

La Kagawa ha inoltre iniziato da poco una fascinosa serie distopica sui vampiri, il cuiprimo romanzo sta già spopolando. In molti lo giudicano uno dei migliori libri YA sulla figura dei vampiri e trovano che il mondo distopicoda lei costruito sia meraviglioso.

La trama di The immortal rules tradotta da Glinda

In un mondo futuro, i vampiri regnano. Gli umani sono bestiame da sangue. Una ragazza è alla ricerca della chiave che le permetta di salvare l'umanità. L'unico scopo della vita di Allison Sekemoto è quello di sopravvivere al Fringe, la zona più esterna di una città di vampiri. 
Durante il giorno, lei e la sua banda vanno alla ricerca di cibo. La notte, uno qualunque di loro potrebbe diventare diventare il pasto di qualcuno. 
Certi giorni l'unica cosa che muove Allie è il suo odio per loro. I vampiri che trattano gli umani come se fossero capi di bestiame. Fino a quando una notte Allie non viene attaccata e le resta un'ultima scelta: morire o diventare un mostro.
Messa al cospetto della proprià mortalità, Allie diventerà ciò che più disprezza al mondo. Per sopravvivere dovrà imparare le regole dell'essere immortali, inclusa la più importante: stai troppo a lungo senza sangue umano, e impazzirai.
Poi Allie sarà costretta a volare verso un mondo sconosciuto, al di fuori delle mura della sua città. Nel viaggio si unirà a un gruppo di umani che inseguono una leggenda, una possibile cura per la malattia che ha sterminato gran parte dei mortali dando vita a i Rabids, crature folli che rappresentano un pericolo sia per umani che per vampiri. 
Ma passare per un' umana non è affatto così facile. In particolar modo rimandendo attorno a Zeke, che potrebbe riuscire a vedere il mondo che si nasconde in lei. Allie dovrà decidere per chi e cosa vale la pena lottare.


* * *

Allora, la firmate questa petizione?
Io l'ho già fatto, ora tocca a voi!



Speciale Halloween #5


Buona Domenica a tutti! Come ogni festività anche Halloween ha i suoi simboli, oggi scopriremo quelli che lo caratterizzano 


IL PIPISTRELLO

Simbolo molto popolare di Halloween, il pipistrello è collegato alla stregoneria e alla morte in molte culture diverse.Questa associazione nasce dall'usanza di volare di notte e di dimorare in caverne e rovine. I pipistrelli sono stati associati alle streghe durante il Medioevo, quando si credeva che le streghe fossero aiutate da demoni in forma di animali.

Una delle forme più comuni di questi demoni (o "famigli") era appunto il pipistrello ma anche i gatti neri e i gufi . Il sangue di pipistrello era anche usato, soprattutto nella magia nera, per la preparazione di pozioni magiche e unguenti.Quando le streghe divennero fortemente associate ad Halloween, anche i pipistrelli lo divennero.
Oggi i pipistrelli sono ancora temuti in molte parti del mondo, e in molti li credono
ancora "creature del demonio". Ma per fortuna per i pipistrelli, ci sono anche luoghi dove
sono associati ad eventi positivi: ad esempio, in Polonia e in Cina il pipistrello è simbolo
di felicità e longevità; gli aborigeni Australiani rispettano i pipistrelli e credono che
far loro del male tolga anni di vita. In alcune culture il pipistrello è portatore di fortuna.
Per colore che seguono la religione degli Sciamani il pipistrello rappresenta protezione,
fortuna, rinascita. E' un guardiano della notte e una guida delle vite passate.

LA ZUCCA JACK-O'-LANTERN


Halloween non sarebbe lo stesso senza i sorrisi un po' cattivi delle zucche illuminate.

Intagliare zucche è divertente per grandi e piccoli, ma è un'attività che nasce più di 2000 anni fa.
L'origine di Jack-o-lantern nasce in Irlanda, dove delle rape svuotate venivano intagliate
e usate come lanterne, per illuminare la strada nella notte di Halloween ma soprattutto
per spaventare e scacciare i fantasmi. In Scozia lo stesso si faceva con la pianta del cavolo,
e aveva nome di torcia "kail-runt". Il nome Jack-o-lantern invece veniva usato per i
cosiddetti fuochi fatui, cioè quelle luci fosforescenti che a volte appaiono vicino alle paludi
dopo il tramonto. Secondo antiche tradizioni Europee, queste misteriose luci sono le
anime scacciate sia dal Paradiso che dall'Inferno, condannate così a passare l'eternità senza meta.
Si diceva anche che fosse pericoloso vederle, perchè potevano indurre gli umani a seguirle
nelle paludi per poi affogarli. Nei tempi moderni le lanterne intagliate nelle zucche sono
usate dalle streghe per far luce agli spiriti dei morti, quelli a cui si voleva bene!,
che tornano nel mondo dei vivi la notte di Halloween.

FANTASMI E SCHELETRI

Sono la diretta associazione tra Halloween e la morte/rinascita.

Samhain era la festa dei morti celebrata dagli antichi Celti il 1° novembre, Ognissanti,
è la versione Cristiana della medesima celebrazione). Anche se oggi fantasmi e scheletri
sono accomunati alle figure di vampiri, licantropi; il loro significato è molto diverso:
il Neopaganesimo e il Wicca infatti li vede come simboli di reincarnazione. In queste religione
la morte non è vista come una fine ma come una parte del ciclo perpetuo di nascita, morte e rinascita.
Le streghe li utilizzano per tenere lontano gli spiriti maligni.

IL GATTO NERO
Per molte persone sono creature sinistre portatrici di sfortuna. Molte persone superstiziose

hanno paura se un gatto nero attraversa loro la strada . Il gatto era venerato in Egitto,
dove la dea Baset aveva forma di testa di gatto e, i gatti erano creature sacre.
Il gatto nero è associato alla dea Egizia Bastet e alla dea Nordica Freya.
Durante il Medioevo il gatto nero divenne simbolo del diavolo.
Si credeva che anche i gatti fossero dei famigli cioè delle entità demoniache
servitrici delle streghe. Nei roghi che uccisero tante donne accusate di stregoneria,
furono innumerevoli i gatto neri che trovarono la morte, nel nome di Dio.
E' risaputo che il gatto ha grandissimi poteri magici e psichici.

IL CALDERONE DELLA STREGA

Le streghe sono spesso rappresentate mentre rimescolano il contenuto di un grande calderone sopra il fuoco. Dentro la sua misteriosa pentolona, nera come la pece, strani ingredienti vengono mischiati per creare una pozione magica. Il calderone è uno strumento molto potente che combina le influenze degli antichi elementi di Aria, Fuoco, Acqua e Terra.
La sua forma rappresenta Madre Natura, e le tre zampe su cui poggia corrispondono ai tre
aspetti della Triplice Dea; le tre fasi lunari; e i tre numeri magici.
Inoltre, il calderone è simbolo di trasformazione (in senso fisico e spirituale), di illuminazione,
saggezza, rinascita. Anche se di solito il calderone è associato a figure femminili, sono da ricordare anche figure maschili che lo utilizzavano: ad esempio il dio nordico Odino, il dio hindu Indra, lo scozzese
Bran e il celtico Cernunno. Inoltre il calderone è anche stato associato al Santo Graal, che prima di essere incorporato dalla religione Cristiana come il calice da cui bevve Gesù nell'Ultima Cena, faceva parte della tradizione del Paganesimo Anglosassone come simbolo di reincarnazione e del ventre della Dea.

IL GUFO

Durante il Medioevo, molte persone credevano che i gufi avessero a che fare con la stregoneria.

Si credeva che la notte di Halloween, demoni in forma di gufi vagassero assieme alle streghe
e ai loro gatti a bordo di manici di scopa per andare al Sabba delle Streghe.
I gufi erano quindi anch'essi dei famigli, e di alcuni si credeva addirittura che fossero
streghe travestite. Ragion per cui vedere o sentire un gufo era fonte di paura per molte
persone. Anche nell'antica Roma il gufo era uccello di malaugurio: la loro presenza
indicava cattiva fortuna,il gufo era chiamato STRIX dai Romani, parola che significa STREGA, e a tutt'oggi c'è chi pensa che sentire un gufo nel buio della notte indichi morte o cattivi presagi.
Ma non tutti mettevano in relazione il gufo e i cattivi presagi: gli antichi Greci lo ritenevano
un uccello sacro, accompagnatore di Atena - la dea della saggezza e patrona della città di Atene.
Ecco perchè il gufo è anche definito un uccello "vecchio e saggio".
Il gufo accompagnava anche la dea della guerra degli antichi Romani, Minerva.
Il gufo è un simbolo molto fortunato per le streghe, e per le persone nate sotto uno dei
tre segni di Terra:Toro, Vergine e Capricorno. Gli Indiani d'America credono ancora oggi che il gufo sia il messaggero dei morti, mentre i maghi Peruviani lo usano nei loro incantesimi per combattere la magia nera.

I COLORI NERO E ARANCIONE
I colori tradizionali di Halloween sono il nero e l'arancione. Il NERO è il colore usato da molte streghe, non per il motivo che tutti pensano, bensì per la sua abilità di ostacolare e addirittura annullare il maligno, e di assorbire a neutralizzare energie negative. Il NERO è anche il colore sacro delle deità pagane che governano il mondo dei morti. L'ARANCIO riflette la natura agricola di Halloween, che risale alle epoche pre-Cristiane. L'ARANCIO essendo il colore delle zucche e delle foglie d'autunno, evoca lo spirito delle stagione. Insieme questi due colori creano un simbolo molto potente che è ricco di leggende, tradizioni, magia e mistero: la vera essenza di Halloween!


IL RAGNO

Anche i ragni furono associati alle streghe durante il Medioevo, anche se all'infuori delle favole, le streghe non creavano mai pozioni con "zampe di vedova nera" come a volte si dice nelle filastrocche.

La superstizione vuole che il ragno sia portatore di cattive vibrazioni, capace di fare del male a uomini e animali anche solo con la vicinanza. Eppure, per molte streghe dell'età moderna il ragno è simbolo di fortuna e ricchezza. Gli Sciamani lo considerano simbolo di creatività.
Se trovate un ragnetto che tesse la tela in un angolo della vostra casa, siate sereni perchè porta fortuna!

IL MANICO DI SCOPA


Durante il Medioevo e il Rinascimento si pensava che i manici di scopa fossero il primo mezzo di trasporto delle streghe. Per volare le streghe usavano uno speciale unguento fatto di erbe velenose, grasso ed altri ingredienti. Poi si dicevano degli incantesimi e la strega si cospargeva il corpo e il manico di scopa con questo unguento. Potevano addirittura diventare invisibili mentre volavano.

Oggi la scopa è un simbolo in stregoneria: serve a "spazzar via" la negatività, la sfortuna e il maligno.

Il consiglio di oggi è L'estate dei morti viventi di John Ajvide Lindqvist.


Trama
Stoccolma è sull'orlo del caos. Dopo un'ondata di caldo torrido, in città si è creato un campo elettrico di grande intensità. Le lampade non si spengono, gli apparecchi elettrici non si fermano, i motori continuano a girare. Poi si scatena un'emicrania collettiva. Si diffonde la notizia che negli obitori i morti si stanno risvegliando. C'è un giornalista, il cui nipote è appena stato seppellito, che si chiede se anche i morti sotto terra stiano riaprendo gli occhi. E un'anziana signora, in attesa del funerale del marito, che sente bussare alla porta in piena notte. E ancora, un uomo disperato che prega Dio di riportare in vita la moglie. Ma poi quando i morti tornano, cosa vogliono? Quello che vogliono tutti: tornare a casa. E riaverli con sé, non è esattamente come ci si aspettava.

Spero che vi sia piaciuto anche la puntata di oggi! Vi ricordo che il momento dei regali si avvicina....
A domani!!